Mi trovi anche qui!!!

domenica 27 luglio 2014

Speck Alto Adige IGP: Unico e inconfondibile !!!!


Quest’anno anche il mio blog e’ stato scelto da ISIT 
per promuovere alcuni salumi italiani DOP E IGP e una corretta alimentazione. Questo mi ha fatto molto piacere sopratutto ora che sto cercando di seguire un’alimentazione più sana ricca di proteine e con pochi grassi. L’ISIT, Istituto Salumi Italiani Tutelati, nasce nel 1999 su richiesta delle principali aziende che producono salumi DOP e IGP e che hanno aderito ai Consorzi di tutela. Lo scopo principale e’ la tutela, la promozione e la valorizzazione degli interessi relativi al comparto della salumeria italiana tutelata. Ma cosa sono le sigle DOP (Denominazione d’Origine Protetta) e IGP (Indicazione Geografica Protetta)? Sono due livelli di riconoscimento tramite i quali, grazie a una precisa normativa varata dall’Unione Europea, si intende proteggere i nomi dei prodotti e la loro tipicità dalle imitazioni. Tutti i prodotti DOP e IGP sono sottoposti ad una serie di controlli prima e dopo la commercializzazione per tutelare i consumatori. L’Italia vanta il maggior numero di riconoscimenti a livello Europeo. Grazie ai continui progressi delle tecniche di allevamento e delle nuove tecnologie di produzione industriali i prodotti attuali contengono meno sale e meno grassi, hanno un ottimo rapporto tra grassi saturi e insaturi rispetto a quanto divulgato in precedenza. La riduzione dei lipidi in alcuni prodotti arriva fino a circa il 50% comportando una notevole riduzione delle calorie introdotte con una singola porzione da 50g. I salumi hanno meno grassi e meno sale, più proteine, vitamine e sali minerali, quindi se abbinati ad una fonte di carboidrati, frutta e verdura possono rappresentare un’alternativa per un pasto veloce ed equilibrato. 


Io ho avuto il piacere di aver ricevuto dello Speck dell’Alto Adige e della Salsiccia di Calabria. Il moto dello speck e’ poco fumo, tanta aria fresca! Lo speck è un prosciutto crudo disossato e rifilato, che viene stagionato e affumicato seguendo una tecnica mista: prima di  essere stagionato per circa 22 settimane, viene speziato e salmistrato con erbe aromatiche per circa 3 settimane in un ambiente fresco e poi affumicato leggermente per 5 giorni ad una temperatura massima di 20ºC. Lo Speck deve la sua unicità proprio al territorio dell’Alto Adige dove tra le montagne e le valli del versante alpino meridionale si ha un clima speciale con tanta aria pura e tanto sole. Ed e’ qui che la cultura nordica incontra quella mediterranea: Lo Speck Alto Adige viene leggermente affumicato e poi fatto stagionare all’aria aperta. Il gusto dello speck dell’Alto Adige IGP e’ inconfondibile finemente speziato e delicato al tempo stesso. Per avere un ottimo prodotto non si può che usare un’ottima materia prima! Per lo Speck Alto Adige IGP vengono utilizzate solo cosce suine magre, sode e provenienti da allevamenti trattati correttamente, riconosciuti e controllati. Lo speck Alto Adige e’ perfetto per una sana alimentazione: I suoi buoni valori nutrizionali e l’alta percentuale di preziose proteine rendono lo speck un’alternativa ideale alla carne fresca, pesce e uova, e’ buonissimo gustato da solo e in combinazione con altri alimenti.


venerdì 20 giugno 2014

Muffin alle ciliegie con farina di farro monococco

Muffin integrali alle ciliegie
 Buongiorno!!!! ah eh mi sono presa una bella pausa dal blog caspiterina!.....le ferie sono finite da un pezzo..... e la solita vita frenetica in giro da una parte all'altra del mondo e' riniziata......la dieta continua....un po a rilento....nelle ferie qualche sgarro me lo sono concessa! Ma faccio sempre attenzione a quello che mangio e visto che nei giorni scorsi avevo una voglia incredibile di dolce ho provato a fare questi muffin un po più' leggeri del solito. Spesso mi sono imbattuta in discussioni su Facebook dove vengono criticate le persone che cercano di alleggerire i dolci o i piatti della tradizione italiana come la parmigiana per esempio..... Io non ci vedo nulla di male nel voler rendere alcuni piatti un po più sani e leggeri pur non rinunciando al gusto!
Infatti questi muffin fatti utilizzando una farina e lo zucchero integrale, e sostituendo il burro con l'olio d'oliva  sono comunque buonissimi, perfetti per la colazione oppure per una merenda golosa!  Dolci al punto giusto grazie a delle buonissime ciliegie, soddisfano senza troppi sensi di colpa!

MUFFIN ALLE CILIEGIE CON FARINA DI FARRO MONOCOCCOINGREDIENTI x 8 muffin150g di farina di farro monococco macinata a pietra 35g di zucchero integrale di canna1 cucchiaino di lievito per dolci2 uova piccole50g di olio extra vergine di oliva 100ml di latte (io scremato)140g di ciliegie snocciolate
In una ciotola unite tutti gli ingredienti secchi: la farina, zucchero e il lievito. In un'altra ciotola mischiate le uova con il latte e l'olio. Aggiungete il composto agli ingredienti secchi e amalgamate il tutto velocemente con una frusta. Aggiungete le ciliegie tagliate a pezzi. Versate il composto negli stampini per muffin (io ho usato lo stampo in silicone Pavoni Idea) e cuocete a 180ºC per circa 20 minuti. Fate la prova stecchino per verificare la cottura.  

Muffin integrali alle ciliegie

Google+ Badge

 

Template by: Bright Sunshine Designs by Mary - Affordable Custom Blog Design © 2012