Mi trovi anche qui!!!

venerdì 13 febbraio 2015

Bomboloni alla crema!!!


Posso essere orgogliosa di questo dolce? devo essere sincera, credo che sia uno dei più' buoni che abbia mai preparato! Domenica scorsa assieme ai fatti fritti sardi ho preparato anche questi bomboloni alla crema. Il mio compagno mi ha detto che lui li avrebbe preferiti e se li avessi fatti li avrebbe pure portati a lavoro per condividerli con i colleghi. Ovviamente non me lo sono fatta ripetere due volte e mi sono messa al lavoro! Ho ricevuto tantissimi complimenti, unica critica che ne ha portati troppo pochi e sopratutto un collega ne avrebbe mangiati altri 3 o 4. Un altro amico ha mandato la foto alla moglie che vive all'estero e le ha detto, senti devi studiare e darti da fare anche anche tu! Beh comunque anche io ho gradito veramente tanto e non vedo l'ora di poterli rifare anche io! La ricetta dell'impasto e' quella che trovate nel post precedente, intanto vi lascio la ricetta della crema pasticciera. Ho seguito la ricetta di Luca Montersino che ho trovato nel suo libro, Le dolci Tentazioni, regalo di Natale di mia sorella.

BOMBOLONI ALLA CREMAINGREDIENTI
Per i bombolonivedi ricetta impasto qui
Crema Pasticcera
  • 200g Latte parzialmente scremato
  • 100g panna fresca
  • 90g tuorli d'uovo
  • 90g zucchero
  • 23g fecola di patate (o amido di mais/riso)
  • Semi di una bacca di vaniglia
Spolverate abbondantemente il piano di lavoro con della farina e Stendete l'impasto lievitato  fino ad ottenere uno spessore di circa 1cm/1,5 cm. Io l'ho fatto con le mani perché e' comunque un impasto molto morbido, ma voi aiutandovi con della farina potete usare tranquillamente il mattarello. Con un tagliapasta di circa 7-8cm di diametro ricavate dei dischi.
Trasferiteli su un vassoio ricoperto di carta da forno o un telo di cotone ben infarinato. Coprite con la pellicola trasparente e fate lievitare circa 1 ora e mezza. Riscaldate l'olio e quando raggiunge la temperatura di 170ºC friggete i bomboloni circa 2-3 minuti per parte fino a quando sono ben dorati. Scolate i bomboloni (io uso il mestolo forato in silicone e acciaio inox PavonIdea) e trasferiteli su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Spolverate bene con dello zucchero semolato.
Nel frattempo che i bomboloni lievitano per la seconda volta preparate la crema pasticcera.
In un pentolino portate ad ebollizione il latte con la panna e i semi di un baccello di vaniglia.
In una ciotola lavorate con il frullatore i tuorli con lo zucchero fino a quando diventano chiari e spumosi, unite la fecola di patate setacciata e amalgamate sempre con il frullatore. Aggiungete il composto al latte e panna bollenti e mescolate velocemente con una frusta. Togliete dal fuoco e mescolate per bene fino a raggiungere la consistenza desiderata.
Versate la crema in una sac á poche con il beccuccio lungo e liscio e riempite i bomboloni ancora caldi. 



Questo bombolone partecipa alla raccolta n25 di Febbraio 2015 di Panissimo, raccolta mensile ideata da Sandra e da Barbara e questo mese ospitata da Maria Teresa


lunedì 9 febbraio 2015

Fatti fritti sardi a lievitazione naturale!!!

Parafrittusu

Buongiorno a tutti!!! Ieri era il mio compleanno e ritengo di essere molto fortunata a festeggiarlo nel periodo di carnevale! Io amo le frittelle....le zeppole!!! Mi fanno proprio impazzire e le mangerei di continuo. Ahimè purtroppo non posso mangiarle sempre, ma una volta all'anno lo sfizio me lo tolgo eccome!!!E poi il dolcino per il compleanno e' d'obbligo no??? Non si può' stare a dieta proprio in questa giornata.....e poi preferisco affogare la tristezza nell' invecchiare con delle belle frittelle !!!
Un paio d'anni fa ho fatto i fatti fritti sardi seguendo la ricetta di mia madre con il lievito di birra (la ricetta la trovate qui). Ecco diciamo che da allora le mie conoscenze nel mondo della panificazione/lievitazione in genere sono un po migliorate e ora decisamente evito di usare così' tanto lievito.
Quest'anno ho rinfrescato per bene il mio LicoLi e ho voluto provare a farli a lievitazione naturale!!
Ma che ve lo dico a fare? sono uno spettacolo ! Soffici soffici...un gusto unico!!!
Per fortuna nei prossimi giorni sarò' via per lavoro così' non avrò la tentazione di friggere nuovamente!

FATTI FRITTI SARDI A LIEVITAZIONE NATURALEINGREDIENTI x circa 20 ciambelle
  • 200g farina buratto (tipo 2 macinata a pietra)
  • 250g manitoba bio
  • 200g di latte parzialmente scremato
  • 100g di licoli attivo (idratazione al 100%)
  • 50g di zucchero di canna integrale
  • 50g di strutto
  • 2 uova
  • 3g di sale
  • Semi di una bacca di vaniglia
  • Scorza di 1 limone
  • scorza e succo di 1/2 arancia 
  • 1/2 bicchierino di limoncello
  • Olio di semi di girasole per friggere
  • Zucchero semolato per spolverare le frittelle

Nella ciotola della planetaria, usando la foglia, sciogliete il licoli nel latte leggermente tiepido. Aggiungete della farina, quanto basta per incordare l'impasto. Aggiungete 1 uovo all'impasto poi subito dopo 1/3 dello zucchero e della farina. Incordate nuovamente l'impasto e aggiungete l'altro uovo , 1/3 dello zucchero e altra farina, riprendete l'incordatura e aggiungete il succo dell'arancia, il limoncello, la scorza degli agrumi, il sale, il restante 1/3 di zucchero e la farina. Incordate nuovamente l'impasto a velocità' medio bassa (nella mia Clatronic io impasto sempre a vel.2). Aggiungete lo strutto a temperatura ambiente in 3 volte, ribaltate l'impasto ad ogni aggiunta. Assicuratevi pero' che la prima parte sia ben assorbita prima di aggiungere quella successiva. Impastate fino a quando l'impasto risulta liscio, lucido ed elastico. Cambiate la foglia con il gancio e serrate l'incordatura per qualche minuto. Fate  la prova del velo per vedere se l'impasto e' pronto.Trasferite l'impasto in una ciotola, coprite con la pellicola e fate lievitare al caldo (28ºC) deve triplicare. Spezzatelo in più pezzi uguali, date la forma a sfera e una volta completati tutti i pezzi con le dita o uno stampino piccolo praticate il foro al centro delle palline per formare delle ciambelle. Sistemate le ciambelle su un telo spolverato di farina e coprite con della pellicola o un altro telo. Lasciate lievitare al caldo fino al raddoppio circa 1 ora e mezza.  Riscaldate l'olio e quando raggiunge la temperatura di 170ºC friggete le ciambelle, fatele dorare leggermente su entrambe le parti. Scolate le ciambelle e trasferitele su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Spolverate bene le ciambelle con dello zucchero semolato e buon appetito!!!!

Parafrittusu

Questi fatti fritti partecipano alla raccolta n25 di Febbraio 2015 di Panissimo, raccolta mensile ideata da Sandra e da Barbara e questo mese ospitata da Maria Teresa


Google+ Badge

 

Template by: Bright Sunshine Designs by Mary - Affordable Custom Blog Design © 2012