Primi piatti

Culurgiones di patate e prima collaborazione!

martedì, maggio 31, 2011

For the english version click here!!!!


Eccomi qui con una ricetta per me fantastica della mia regione....Pensavo con ansia ad una ricetta particolare della Sardegna, una challenge per me, qualcosa che non avevo proprio mai fatto e ho pensato subito a questi ravioli..
I Culurgiones, chiamati anche Culirgionis o Culingionis, sono dei ravioli di patate a forma di spiga, tipici dell’Ogliastra e della Barbagia. Come tantissime ricette in Sardegna, ci sono varie versioni a seconda della zona e della stagione. Il ripieno e’ comunemente fatto con delle patate farinose (meglio se quelle rosse), della menta, olio, aglio e formaggio. Il formaggio più usato e’ il casaxedu, un formaggio di pecora acidulo e freschissimo, ma in alcune zone della Sardegna si usa anche solo il pecorino fresco.
Secondo la storia questo era un piatto della festa di tutti i santi, ma ora nelle zone dell’Ogliastra e Barbagia viene preparato per tutte le ricorrenze importanti.
Mia madre li faceva spesso a casa e io sono sempre rimasta affascinata dalla forma a spiga di questo raviolo, ma non avevo mai provato a farli fino ad ora, mi sono sempre sembrati difficilissimi, invece ci vuole tanta pazienza sicuramente, perché vanno chiusi rigorosamente a mano, ma non sono poi così difficili!!!
Sono veramente contenta del risultato.
Ed ecco a voi come ho preparato questi ravioli:
INGREDIENTI (circa 30 ravioli):
Per la sfoglia:
50 gr di semola rimacinata 
150 gr di farina 00 
acqua
Sale
Per il ripieno:
2 patate medie(circa 400gr)
menta fresca
Olio
aglio
150 gr circa di pecorino pastore sardo fresco grattugiato
Impastare la farina con l’acqua salata fino a quando si ottiene un impasto morbido ed elastico. Lo si lascia riposare per circa mezz’ora coperto con un panno.
Lessare le patate, pelarle e schiacciarle con lo schiacciapatate. In un pentolino fare rosolare dell’olio extra vergine d’oliva con 2 spicchi d’aglio, far raffreddare per bene l’olio.
Unire alle patate, la menta fresca tritata finemente, il pecorino, l’olio e aggiustare di sale.
Stendere la pasta con il mattarello e formare dei cerchietti dal diametro di circa 7 cm. Mettere una pallina di ripieno in ogni dischetto e richiudere la pasta sul ripieno pizzicando i lembi, così da dar loro la forma di una spiga. Non e' facile da spiegare a parole ma vi consiglio di guardare il video che ho fatto mentre li facevo (dopo le varie foto).
Proprio da questo tocco deriva il nome di spighitta o spighedda attribuito ai ravioli di patata.
Cuocere i ravioli in acqua salata e condire con un semplice sugo al pomodoro e pecorino grattugiato.






video


You Might Also Like

21 commenti

  1. eccolaaaa ... pensa che me la stavo già perdendo perchè ci sono altri aggiornamenti quindi eìquesto tuo era finito in fondo ... che dirti io me la dev o assolutamente segnare e provare anche se per la dieta non è il massimo mettere nello stesso pasto patate e farina .... uno strappo però me lo posso anche permettere :-)))

    RispondiElimina
  2. niky... un piatto superlativo... sei stata bravissima, vorrei tanto che vincessi!!!! baci ELY

    RispondiElimina
  3. ma che belli e complimenti per la collaborazione !! C'è un nuovo gruppo su FB sulle collavorazioni se ti interessa ti aggiungo!!

    un bacio!!

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazze!!!!!!!!!!!!!!
    @ House: provali!!!!!! si e' vero per la dieta non e' il massimo...io ormai sto abbandonando i dolci pero', e la pasta 1 volta a settimana...Questa volta ho fatto uno strappo pero'... Ne ho mangiati 5 e sono piccoli..quindi dai non fanno ingrassare tanto.gli altri sono in freezer...per i tempi migliori...
    @ L'Ostessa: grazie tesoro.....hehehehe lo spero anche io di vincere qualcosina....ma ci sono delle ricettine super che partecipano...le mie possibilita' sono proprio poche.
    @ Chabb:....siiiiiiii dimmi un pochino!!!!! Ho qualche collaborazione in pentola con altre aziende...e mi piacciono assai queste cose!!!!

    RispondiElimina
  5. :-O
    Niky che brava!!!! Io adoro i culurgiones, ma dubito di avere la tua stessa abilità manuale per la chiusura!!! Complimenti!
    Mau di In cucina con Mau e Lele

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che manualità! E' un arte:)
    Grazie per essere passata dal mio blog:) Bacio

    RispondiElimina
  7. Son fantastici, sembrano quelli che preparava la mia nonna sarda!

    RispondiElimina
  8. Grazie mille Mau, Barbara e Sonia!!!! gentilissime!!!!!
    Mau devi solo provare, anche io non pensavo di riuscire a farli al primo tentativo....!!!!

    RispondiElimina
  9. Complimenti, sono semplicemente perfetti!
    Bravissima!

    Buona domenica

    Giovanna

    RispondiElimina
  10. Perfetti e invitanti! Complimenti per la tua collaborazione! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  11. si li conosco molto bene, visto chemia supcera è sarda!che bontà che sono!!!

    RispondiElimina
  12. Sono davvero bellissimi, io non li conoscevo :))))

    Complimentissimi per la collaborazione, a me le loro farine piacciono molto e benvenuta tra i miei sostenitooooori. Ti abbraccio fortissimo Angela, ci vediamo anche su fb allora ^_^

    RispondiElimina
  13. Giovanna, Grazia, Sississima, Lucy e Angela...vi ringrazio tanto per il vostro commento e per essere passate a trovarmi!!!! Grazie mille!!!!

    RispondiElimina
  14. Nicoletta...grazie mille per essere diventata sostenitrice del mio neonato blog "il cucchiaio volante"!! Volevo iscrivermi tra i tuoi followers, ma mi dice che ora non è possibile...riproverò!!! :))

    Splendida ricetta e una manualità invidiabile!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  15. bellissimo blog, te lo dice una sarda come te, viva la cucina sarda !!!!buona giornata!!!

    RispondiElimina
  16. Io li adoro i culurgiones, e ho persino un paio di ricette lì da tempo: che sia giunta l'ora di rifarli? Bellissimi, questituoi...
    A presto,

    Sabrine

    RispondiElimina
  17. Grazie per essere passata da me...e mi trovo questa ricetta??? Sicuramente proverò a farli, li ho mangiati solo una volta ed è stato illuminante :) A presto :)

    RispondiElimina
  18. Adesso diciamoci la verità! Io con le mie manozze che sembrano badili non credo di riuscire a fare quello che hai fatto nel video! Ma il risultato merita almeno 3 tentativi! Bellissimo piatto

    RispondiElimina
  19. Ciao Nicoletta, piacere di conoscerti con questa ricetta splendida, che mi ha stregata. La copio subito e ci proverò, mi piacciono tantissimo, mi ricordano vacanze passate. . . Mi iscrivo come tua sostenitrice, e sarei felice se vorrai passare a trovarmi! Baci!

    RispondiElimina
  20. che belli! li ho mangiati durante le mie vacanze sarde... ottimi!

    Ps se passi da me c'è un giveaway in corso: http://www.nastrodiraso.com/wordpress/un-bellissimo-regalo-per-tutti-voi-il-mio-primo-giveaway.html

    RispondiElimina

I commenti volgari, maleducati e anonimi verranno cancellati!
Grazie per i vostri commenti!!!

Google+ Badge

SUBSCRIBE