Tradizione sarda

Sa Panada!

domenica, giugno 21, 2009


Piatto tipico del mio paese "Assemini"in provincia di Cagliari.

La Ricetta

Dose per 4 persone:
Per la pasta:
Farina 300 grammi (oppure 150 farina 150 semola fina);
Strutto di maiale 20 grammi
Acqua tiepida salata

Ripieno carne: 300 grammi di carne di agnello tagliata a pezzetti;
Patate a piacere
Sale, pomodori secchi, prezzemolo, aglio;
Olio d'oliva: 2 cucchiai

La Preparazione

Si incomincia facendo una sfoglia non molto sottile impastando la farina con acqua tiepida salata e lo strutto di maiale (oppure metà farina e metà semola fina e così la pasta verrà più croccante). La pasta così ottenuta si lavora a lungo e si tira infine in sfoglia circolare non troppo sottile. Bisogna ricordarsi di mettere da parte un po’ di pasta lavorata (circa un pugno) che servirà più tardi per il coperchio. La sfoglia circolare si depone su una terrina per aiutarsi a dare la giusta forma di "pentola".
A questo punto si può cominciare a sistemare il ripieno che deve essere messo tutto a crudo. Per “sa panada” di anguille: mettere le anguille tagliate a pezzi e i piselli alternando con strati di aromi quali pomodori secchi (abbondanti) sale, pepe, prezzemolo, aglio secondo il gusto. Per “sa panada” di carne: mettere la carne di manzo, maiale o agnello tagliata a pezzi alternando con strati degli aromi già detti e piselli, patate, carciofi o melanzane, sempre secondo il gusto.
Dopo aver disposto buona parte del ripieno bisogna sollevare pian piano i bordi della pasta seguendo la forma "a pentola" e lasciando qualche centimetro di bordo. A questo,punto, prima di mettere il coperchio, bisogna ricordarsi di aggiungere alcuni cucchiai di olio d'oliva.
A questo punto bisogna chiudere “sa panada” utilizzando la piccola quantità di pasta messa da parte dalla quale verrà ricavata una sfoglia circolare di diametro sufficiente. Il coperchio, così ottenuto, viene posato sulla "pentola" e viene pizzicato ripetutamente saldandolo ai bordi di essa. Questa operazione è molto importante in quanto la tenuta deve essere perfetta e quindi la giuntura deve essere fatta con molta attenzione e con forte pressione delle dita. Pungere la surpeficie con una forchetta per fare uscire l'aria e così evitare che si rompa in cottura.
Mettere nel forno ben caldo e fare dorare bene la superficie.Poi coprire con la carta stagnola e cuocere per circa 2 ore.
Quando è cotta toglierla dal forno,coprirla bene e farla riposare per una mezz'oretta!
Buon appetito a tutti!!!

You Might Also Like

1 commenti

  1. Ciao Nico..ma che sorpresa questo blog,è veramente carino,Bravissima.
    Sai che prorpio l'altro gg sfogliavo la ricetta della panada che mi avevi mandato tu e mi è venuta voglia di farla. Ho un dubbio però, la carne e le patate vanno cotte prima o messe crude dentro la panada e poi cuociono assieme???
    Gnamm..spero di poterla fare presto.
    Un abbraccio carissima e x niente frana.
    Antonella

    RispondiElimina

I commenti volgari, maleducati e anonimi verranno cancellati!
Grazie per i vostri commenti!!!

Google+ Badge

SUBSCRIBE